Consorzio obbligatorio fra gli apicoltori
della Provincia di Gorizia

Logo Consorzio obbligatorio fra gli apicoltori della provinvia di Gorizia
Via Staranzano, 23
34077 Ronchi dei Legionari (GO)
C.F. 80000960312

I nostri mieli

Acacia

Tarassaco

Amorfa

Tiglio

Millefiori

Melata

Marasca

Castagno

Santoreggia

Girasole

Acacia

Robinia pseudoacacia

Raccolto tra maggio e giugno, è un miele fluido, di colore chiaro, con un profumo leggero, floreale e un aroma delicato. E’ un ottimo dolcificante, consigliato per la delicatezza a bambini e anziani.

Tarassaco

Taraxacum officinale

Si raccoglie all’inizio della primavera; è un miele che per l’elevato contenuto di glucosio cristallizza spontaneamente in tempi brevi. Presenta un colore giallo intenso, un aroma deciso e persistente e un profumo che ricorda quello del fiore.

Amorfa

Amorfa fruticosa

Il miele di amorfa, pianta che cresce spontaneamente lungo i campi coltivati, presenta un colore leggermente aranciato, una consistenza gelatinosa e un sapore che ricorda la frutta.

Tiglio

Tilia sp.

Fiorisce quasi contemporaneamente al castagno, con il quale può miscelarsi naturalmente, formando il miele di tiglio-castagno. Se è uniflorale, il miele di tiglio ha colore chiaro, profumo ed aroma intensi. Tende a cristallizzare in tempi lunghi.

Millefiori

Si raccoglie in primavera-estate e ha un colore più o meno ambrato a seconda delle essenze bottinate dalle api. Il gusto è intenso e gradevole, così come il profumo. Può considerarsi un miele “completo”, in quanto deriva dal nettare di molte piante. Solitamente è cristalizzato.

Melata

Le api producono miele anche a partire dalla melata, che esse possono raccogliere grazie all’intervento di insetti che suggono la linfa delle piante. I mieli di melata sono fluidi e di colore scuro, fino a quasi nero. Si distinguono per l’alto contenuto in elementi minerali, soprattutto potassio e quindi sono particolarmente indicati per gli sportivi. Nel Carso isontino si produce, in annate favorevoli, la melata di sommaco (Cotinus coggygria).

Marasca

Prunus mahaleb

E’ il fiore all’occhiello dell’apicoltura carsica. Deriva dai fiori del ciliegio canino (Prunus mahaleb) che cresce spontaneo soprattutto nella zona carsica. Ha un aroma e un profumo intensi, che ricordano quello dei fiori della pianta; può avere un retrogusto amaro. Spesso si trova in miscela con miele di acacia (acacia-marasca).

Castagno

Castanea sativa

Raccolto a luglio ha un colore ambrato, che può essere scuro per la presenza di melata. Ha un profumo intenso e un aroma con una nota amara caratteristica, che lo distingue dagli altri mieli.

Santoreggia

Satureia montana

Fiorisce al termine del periodo estivo ed è comune soprattutto sul territorio carsico. Il miele uniflorale si ottiene in annate favorevoli; può trovarsi in miscela con il miele di melata. Il miele di santoreggia è mediamente aromatico e si può trovare liquido o cristalizzato.

Girasole

Helianthus annus

La sua coltivazione è ovviamente legata alla coltivazione della pianta. Il miele che ne deriva è lievemente aromatico e gradevole al palato. Ha un colore giallo e cristallizza in tempi brevi.